Esagramma 4- La Stoltezza Giovanile

esagramma 4Monte, Ken sopra
Acqua, Kan sotto

Sotto il monte vi è acqua pericolosa. In alto, e nel futuro, calma e saggezza; in basso, e nel presente e passato, errori e inquietudini. Ci sono esperienze da affrontare e lezioni da apprendere prima di ergersi sicuri e stabili nella vita.

Sentenza Stoltezza giovanile ha riuscita. Non sono io a cercare il giovane stolto, il giovane stolto cerca me. Consultato una prima volta, io rispondo. Se egli consulta due, tre volte è importuno. Se egli importuna, non rispondo. Propizia è perseveranza.
C’è un tempo in cui le nostre imprese ci mettono di fronte a delle scelte; in ogni attività, se si vuole crescere, bisogna spingersi avanti  evitando  di ripercorrere i vecchi errori. Vie errate sono già state imboccate nel passato, abbiamo già avuto delle risposte e non abbiamo capito; e se riprendiamo in considerazione le vecchie idee, i vecchi stati d’animo, nulla mai cambierà. Nelle molteplici avventure attraversate c’è un elemento che tende a ripetersi, più volte affrontato ma rimasto irrisolto. Ci si appresta ad affrontare ciò che più volte è accaduto, più volte si è fatto, più volte si è detto, senza mai recepirne la lezione.
Immagine Ai piedi del monte sgorga una fonte: l’immagine della giovinezza. Così il nobile alimenta il suo carattere agendo con cura e ponderatezza.
Una fonte piccola e incerta sta tracciando a malapena la sua strada. E’ come un bambino che deve attraversare incertezze e prove per crescere, senza sbagliare strada, cosa che lo farebbe  restare immaturo. La crescita ovviamente comporta errori, e si apprende solo attraverso quelli.  Per non sbagliare più bisogna ripensare attentamente all’impresa, cercando di evitare le vecchie strade e non ripetere ancora  i vecchi errori.
Linee
1- Per far progredire lo stolto è propizio mettere l’uomo sotto disciplina. Bisogna togliere i vincoli. Continuare così reca umiliazione.
Sbagliare e continuare a sbagliare, questo fa lo sciocco. Se si vuole progredire c’è bisogno di esercitare grandissimi sforzi su se stessi e soprattutto sugli altri, per correggere una situazione altrimenti inconcludente.  E’ necessario liberarsi da  condizionamenti profondamente radicati e magari decidersi a rompere vincoli con qualcuno, cosa di cui finora si aveva timore di fare. Altrimenti  non cambierà mai nulla. Muta in 41- Diminuzione (41.1- Andare rapidamente quando gli impegni sono finiti non è una macchia. Ma bisogna ponderare quanto sia lecito diminuire gli altri.)

2- Sopportare gli stolti in mitezza reca salute. Saper prendere le donne reca salute. Il figlio è all’altezza delle cure domestiche.
Si è circondati  da persone immature e si sopporta il loro sciocco comportamento senza farsi sangue amaro. Data la situazione è il meglio che si può fare. Bisogna saperli prendere per il loro verso e assecondare la loro immaturità. Mettendosi al loro livello la situazione non degenera e si è entrambi in grado di continuare in reciproca tolleranza. Muta in 23- Frantumazione (23.2- Il letto va in frantumi al bordo. I perseveranti vengono annientati. Sciagura.)
3- Non prenderai una ragazza che vede un uomo di bronzo e non rimane in possesso di se stessa. Nulla è propizio.
Una donna prova forti sentimenti verso un uomo impassibile e lo cerca apertamente. Tutto il suo comportamento è condizionato da lui, come una ossessione. Viene rifiutata. Una donna che perde la sua individualità e agisce solo per compiacere un altro ottiene solo disgrazia. Muta in 18- Emendamento delle cose guaste. (18.3-Ripara ciò che è stato danneggiato dal padre; c’è un certo pentimento.)
4- Stoltezza di mente ristretta reca umiliazione.
Non si riesce proprio ad evolversi e a capire che si stanno ripetendo i vecchi errori di sempre. L’esito è negativo, come in passato.  Muta in 64- Prima del Compimento  (64.4-Perseveranza reca salute. Pentimento svanisce. Scuotimento per punire il paese dei diavoli. Per tre anni si danno in premio grandi signorie)
5- Stoltezza fanciullesca reca salute.
Si compiono errori e si sbaglia, ma è la prima volta che si affronta una simile impresa ed è normale sbagliare. Anche se l’impresa va in fumo, si è fatta esperienza, si  è imparata la lezione e ciò garantisce crescita ed evoluzione.   Muta in 59- Dispersione. (59.5-  Dissolvono come il sudore i suoi squillanti richiami. Dissolvimento! Un re dimora senza macchia)
6- Quando si punisce la stoltezza non è propizio commettere prevaricazioni. Propizio è soltanto difendersi dalle prevaricazioni.
Gli errori altrui sono visibili, li abbiamo davanti. Scagliarsi contro chi li ha commessi con feroce accanimento, sfogando il proprio risentimento  è un errore. E’ giusto intervenire verso chi sbaglia solo quando la sua  malevolenza arriva a danneggiarci personalmente e quando le iniziative sono  volontariamente prese dagli altri per farci del male. Cosa che non è in questo caso, poichè siamo stati noi ad agire per primi. Muta in 7- Esercito (7.6- Il grande principe emana ordini, fonda stati, infeuda famiglie. Uomini comuni non vanno impiegati.)