Pesa essere amore grande? – Livia Candiani

Pesa essere amore grande?
Non essere luce sorvegliata ma squarcio abbagliante, pesa?
Essere la sorte di un deserto la sua improvvisa ignota a tutti
eppure evidente fioritura, è pesante?
Pesa reggere leggerezza,
petalo stracciato senza gambo?
Fa sentire soli essere assolutamente amati
con decisione ferma con assenza di volontà
e precisione da funambola,
fa sentire la solitudine abdicata dell’amore grande?
Bisogna spiantare il centro,
traslocare e sgomberare l’amare grande,
notare il colore del cielo
offrirgli spogliato il volto,
il corpo allungarlo come erba selvatica alla luce.
Bisogna chiedere grazia al ghepardo del cuore
alla sua falcata che disegna la profondità del fitto
l’altitudine paga del vuoto.
Bisogna che io muoia
che becchetti nella mano tua i semi della sparizione
bisogna che resti solo quel leggero nome senza – nome
che fa l’aria innamorata della stanza.
Chandra Livia Candiani – La bambina pugile ovvero la precisione dell’amore -2014

DSCN4034