Senza centro, senza limite – Shabkar Tsogdruk Rangdrol

Senza centro, senza limite la luminosa vastità è tutto - è la vivida, fulgida Consapevolezza: naturale, presenza primordiale. Senza un fuori, senza un dentro, la Consapevolezza sorge da sé, vasta come il cielo. Oltre una misura, una direzione, un limite - è apertura completamente spoglia: è spazio, inseparabile dalla Consapevolezza.

Sono a casa.

Che pace quando non ho niente da cambiare. La mia mente si riposa al di là di speranze e desideri. L'acqua bolle sul fuoco, preparo la cena. Scende la notte, viene un fresco vento. Non mi manca nulla. Lenta la fune si scioglie, sono a casa.